Privacy Policy STORIAaRABI4

QUARTA TESTIMONIANZA

Quando gli arabi arrivarono in Sicilia nell’ 827,
ci fu il panico e iniziò una lunga guerra che sconvolse le nostre vite.
Un giorno, durante un attacco al mio paese,
mentre correvo per nascondermi in una casa con i miei genitori,
un uomo arabo mi prese e mi portò via con sé.
Io ero terrorizzata.
Piangevo forte, urlavo e cercavo di liberarmi scalciando e dando pugni.
Dopo un bel pezzo, lui, stanco, si fermò per prendere fiato
e io tentai di correre via, ma lui mi fermò.
Per la prima volta lo guardai e mi accorsi che era un ragazzo
di carnagione scura, con i capelli e gli occhi neri.
Quando lui mi guardò mi fece capire di non avere paura
perché non mi avrebbe fatto alcun male.
Riprendemmo il cammino e arrivammo al suo campo
dove mi affidò ad una donna siciliana come me che era una schiava.
Io cominciai a piangere pensando che non avrei mai più visto i miei genitori,
poi stanca mi addormentai.
Dopo qualche ora quel ragazzo tornò e mi disse di chiamarsi Alì
e mi chiese se avevo fame.
Io risposi di si, allora lui prese dalla tasca una palla arancione
le tolse quella che sembrava la buccia
e ne fuoriuscì una cosa arancione con dei peletti bianchi.
Me ne offrì metà, io la presi, ma non sapevo che fare e
lui mi disse che era da mangiare.
Allora l’assaggiai e mi accorsi che era aspra ma buona.
Lui mi disse che era un’ arancia, poi se ne andò.
Nei giorni successivi tornò spesso a trovarmi;
mi spiegò che ero stata rapita per essere scambiata con un prigioniero arabo
che era stato affidato a mio padre.
Durante le sue visite mi raccontava della sua splendida terra
che lui chiamava Al-Jasira cioè “la penisola”.
I suoi antenati erano nomadi e vivevano nel deserto
spostandosi da un’oasi all’altra a cavallo di strani animali con due gobbe,
capaci di vivere giorni e giorni senza acqua.
Ogni tribù aveva i suoi dei e adorava un meteorite
he era stato donato loro dall’ arcangelo Gabriele
e che era conservata nella città di La Mecca.



Il loro unico dio era Allah e l’uomo che aveva diffuso la sua parola era Maometto,
il profeta che loro adoravano e che aveva iniziato la jhad o guerra santa
che li aveva portati fino in Sicilia.
Alì fu sempre gentile con me; sapeva leggere e scrivere
e mi leggeva le bellissime fiabe di un libro dal titolo “ Le mille e una notte”.
Quando arrivò il giorno della mia liberazione,
ero felice ma nello stesso tempo triste perché sapevo
che non avrei mai più rivisto il mio amico Alì.

Veronica Alia







Il tuo browser non supporta il tag embed per questo motivo che non senti alcuna musica