Privacy Policy Susanna_Maccari

 
 


Molti sono gli artisti contemporanei
che hanno rappresentato la primavera
in tutto il suo splendore.
Fra i tanti mi ha colpito particolarmente
per la corposità della pennellata e per i colori smaglianti,
un'artista milanese



E' una pittrice milanese che ha ereditato la passione
per la pittura dal nonno materno.





Ha iniziato a dipingere come autodidatta
e dopo un periodo dedicato al conseguimento della laurea
in “Lingue e letterature straniere moderne” presso l’Università Statale di Milano,
ha ripreso la sua attività artistica frequentando vari corsi di perfezionamento
presso il C.E.P. di Milano.

(Girasoli)



Espone in permanenza presso
il Centro Culturale Internazionale d’Arte Sever a Milano

(Natura in rosso)



Scrivono di lei
Nell’osservare le opere di Susanna Maccari
si è catturati da una sensazione di serenità per le atmosfere
che si raccolgono nei paesaggi, spesso liberamente interpretati.
Nella sua espressione artistica, anche se la sensibilità tipica
di un animo femminile è sempre presente,
convivono gli umori altalenanti della quotidianità:
il romanticismo che si legge nelle distese di lavanda,
dove la solarità del colore suggerisce ampi respiri,
diventa quasi aggressività nelle gelate invernali
e se il pennello corre libero sulla tela,
la spatola si posa spesso vigorosa e decisa.
Le immagini sono quelle del paesaggio che si evolve con le stagioni;
i colori, che in generale, sono fedeli alla naturalità del momento,
talvolta risentono di un’impronta trasfigurante,
quasi a voler rimarcare l’intensità di un particolare stato d’animo.
Giuliano Mantovan



Dal gioco cromatico dei quadri,
dai toni di colore che in parte si intessono l'uno nell'altro,
dalla superficie che non appare organizzata in un sistema visivo chiuso,
traspare una rete di emozioni, di sensazioni, di stimoli
che partendo da un dato concreto affondano nelle memorie di una vita.
L'effetto diretto del colore che si manifesta nei suoi quadri
viene direttamente percepito dall'osservatore come effetto della luce,
anche grazie all'uso cosciente e sistematico dei complementari,
ovvero l'accostamento di un colore al suo complementare.
E' la luce che, colpendo gli oggetti,
viene parzialmente assorbita o respinta,
scomponendosi nei vari colori, che, a loro volta,
si mescolano o si accostano, trasformandosi, esaltandosi
o deprimendosi reciprocamente.
La luce è nel colore.
Susan Ballerini

(Scogliera in fiore)



Il suo sito
qui






Il tuo browser non supporta il tag embed per questo motivo che non senti alcuna musica